Le farine biodinamiche de La Raia

giugno 12, 2013
Le farine biodinamiche de La Raia


 

Ormai lo sapete: se i prodotti di portaNatura sono così buoni e freschi è anche grazie all’ambiente in cui siamo immersi: 180 ettari tra vigneti, boschi, prati e seminativi. Questa è La Raia, l’azienda agricola che Tom ha convertito in biologico e poi biodinamico 10 anni fa e dove ha poi deciso di iniziare l’avventura di portaNatura. La Raia è conosciuta per i suoi vini, il Gavi e la Barbera, a cui presto dedicheremo un articolo. Oggi però vogliamo parlarvi di farina. Cosa c’entra? C’entra eccome, perché seguendo i dettami del metodo biodinamico, una parte dei terreni è dedicata al farro e alla segale. E dal prossimo anno avremo anche grano tenero.
A La Raia le concimazioni sono biodimaniche in modo che il suolo sia più ricco di humus, con maggiore carica microbica e questo ovviamente favorisce la biodiversità di flora e fauna che tutelano il delicato equilibrio dell’ecosistema. Le farine ottenute da questi cereali più forti, non inquinati, danno un’ottima resa drante la panificazione senza l’eccessivo sapore di crusca dato dalla farina di frumento integrale, ma non solo: il loro sapore e fragranza sanno arricchire le ricette di tutti i giorni.
Farro e segale sono poi macinati in un mulino a pietra: questo tipo di molitura permette di mantenere maggiormente integro il chicco e di preservarne meglio le caratteristiche nutritive, tra cui fibre e proteine vegetali.
Vi invitiamo a scoprirle tramite portaNatura, o, se siete in vena di una gita, potete venire qui a La Raia a conoscere l’azienda. Vi aspettiamo!