Oggi portaNatura incontra Matteo Cirenei fotografo e designer

gennaio 10, 2013
Oggi portaNatura incontra Matteo Cirenei fotografo e designer

Matteo, ci racconti chi sei e che cosa fai?

Ho 47 anni, sia nella vita personale che nel lavoro cerco di seguire le mie aspirazioni e realizzare i miei sogni; sono per la parità tra uomo e donna e mi adopero concretamente per applicare questo concetto e trasmetterlo alle mie figlie; sono fissato con l’alimentazione sana e il movimento, unico strumento per cercare di mantenerci in salute, mi muovo in bicicletta e faccio la spesa in monopattino. Lavoro come free-lance:  sono eclettico, nel lavoro mi piace creare sinergie tra le discipline, così come in cucina, legare insieme gli elementi. Sono ordinato nella preparazione, ma anche intuitivo e sperimentatore negli abbinamenti. So essere molto veloce (ho 2 bambine molto voraci da nutrire), ma anche godermi quelle rare situazioni in cui posso fare con calma, ascoltando musica e sorseggiando un bicchiere di vino rosso. Ho conquistato mia moglie cucinando per lei.

Ci vuoi parlare del tuo lavoro e della tua speciale attenzione per il tema della salute?

Lavoro nell’ambito del design, dell’architettura, dell’arte (http://matteocirenei.wordpress.com). L’architettura in particolare è anche l’oggetto di una ricerca  artistica attraverso la fotografia in bianco e nero fine art. Faccio progetti di branding design, dal logotipo alla pagina pubblicitaria istituzionale. Contribuisco alla divulgazione sulla stampa e sul web dei prodotti di arredamento di aziende di qualità. Sin da piccolo ho imparato quanto fosse importante mantenere il corpo sano con una corretta alimentazione, dapprima per necessità, poi per convinzione. Ascoltando esperti in materia in diverse occasioni ho avuto la conferma della bontà della scelta. Come per fare una bella foto ci vuole un bel soggetto, così per fare un buon piatto ci vuole un buon ingrediente: gli ortaggi biologici oltre a fare bene hanno un sapore ineguagliabile!

Cosa c'è nel box questa settimana

Che cos’hai trovato nel box di portaNatura che ti ha ispirato? 

Quando ho visto i limoni bio non ho resistito! Spaghetti al limone, al volo e con gusto, a pranzo, dove i carboidrati si possono mangiare senza indugio! La scorza del limone è l’ingrediente principale, se non è buona e se è trattata è impossibile far riuscire bene la ricetta, semplicissima: a freddo amalgamare burro (chiarificato), tuorlo d’uovo, scorza di limone, succo di limone, parmigiano, un pizzico di sale, una spolverata di pepe. Scolare la pasta al dente tenendo un po’ dell’acqua di cottura, se no si incolla tutto. Dosi x 2: scorza di 1 limone, succo di ½ limone, 1 tuorlo d’uovo, parmigiano q.b., sale e pepe q.b. A cena, invece, un bel minestrone con altre verdure trovate nel box: patate, carote, porri, Cavolo Verza, Coste, aggiungendo un po’ dei miei legumi per le proteine e il dado vegetale. Una bontà.

Gli spaghetti al limone di Matteo

In questa stagione che cos’hai voglia di cucinare (o di farti preparare!)?

Dipende da quanto mi muovo, se son dovuto uscire e ho quindi pedalato parecchio, a pranzo mangio volentieri una pasta integrale con verdure, o un piatto di riso bianco, verdure al vapore e della carne bianca; la sera preferisco un bel minestrone o delle verdure al vapore e del formaggio, senza però resistere a spiluccare pezzetti di formaggio o olive o finocchi o carote

Il minestrone fresco fresco

crudi per antipasto insieme a un bicchiere di vino rosso.

Che cosa non manca mai nel tuo frigorifero? 

Uova, frutta e verdura, lo yogurt bianco, ma anche una tavoletta di cioccolato e tutti gli avanzi del giorno prima chiusi nei contenitori!

I segreti del frigorifero di Matteo

Vuoi rivelarci una tua fissazione green (per esempio, mangiare i broccoli almeno una volta alla settimana, spalancare le finestre tutte le mattine anche se ci sono 2° C, riciclare tutto, sfinire gli amici che usano troppo l’automobile…)? 

Smontare gli imballaggi separando tutte le parti di carta, plastica, dallo scotch e dal resto, mangiare spesso i broccoli (sperando che funzioni), muovermi in bici o in monopattino tutte le volte che posso!

Qual è un rito che ti piace celebrare nella tua cucina? 

Non ci devono essere stoviglie sporche in giro: svuoto la lavapiatti e la riempo con tutto, poi libero tutti i piani di lavoro, ascolto musica jazz, e preparo tutti gli ingredienti sul tavolo.