Siamo stati a casa di Daniela Lancellotti, studentessa

ottobre 9, 2014
Siamo stati a casa di Daniela Lancellotti, studentessa

Ci racconti chi sei e che cosa fai?

Copia di image-5

Mi chiamo Daniela e ho 18 anni appena compiuti, vivo a Milano e frequento il
tanto atteso ultimo anno di liceo scientifico. Per far capire alle persone
chi sono mi piace raccontare la storia delle mie origini e della mia
famiglia. Da parte di mio padre sono italo-tedesca, la nonna paterna infatti
è nata e cresciuta in Germania e ha conosciuto il nonno italiano nella
bellissima Parigi degli anni 50′, da parte di madre sono peruviana, e il
nonno materno è un famoso poeta sudamericano. Ho avuto un’infanzia
bellissima, cresciuta tra la natura e l’arte non mi è mai mancato nulla,
finché un giorno la morte di mia madre ha fermato le nostre vite. Si sono
susseguiti momenti molto duri, che però con il tempo e la crescita hanno
iniziato ad arricchirmi. Questi eventi ti cambiano radicalmente, sta a te
decidere se abbatterti o farti forza e prendere la vita in mano. Noi abbiamo
deciso di lottare. Abbiamo avuto dimostrazione di vero amore dalle persone
che ci sono rimaste vicino in questi lunghi anni. Adesso siamo uniti, legati
sia dalla sventura che ci è capitata, sia dal forte legame che ha creato
quest’ultima. La famiglia è tutto per me. Credo che tutto quello che mi è
successo mi ha reso la persona che sono oggi, ho molto cari amici, un
fidanzato che amo. Non cambierei niente.

Ci vuoi parlare di ciò che ti piace fare e della tua passione per la cucina?

Se dovessi dire la cosa che mi piace di più in assoluto direi viaggiare.
Mi piace tantissimo viaggiare e vedere diverse culture, da cui imparare
sempre qualcosa. La passione per la cucina nasce un po’ da questo dopo
tutto, questo mio desiderio di unire dei mondo così diversi attraverso gusti
e sapori. Cucinare un piatto peruviano mi riporta la, tanto lontano.

box

Che cos’hai trovato nel box di portaNatura che ti ha ispirato?
Nel box di portaNatura ho trovato delle patate davvero invitanti, mi hanno
ricordato le grigliate fatte con la famiglia: patate al cartoccio servite
con una salsa alle erbe e yogurt squisita.

In questa stagione che cos’hai voglia di cucinare (o di farti preparare!)?

In questa stagione ho voglia di tutto, come in tutto l’anno d’altronde. Sono
proprio una buongustaia. Mi piace sempre però mettere un po’ di verdure in
ogni piatto che faccio, o come accompagnamento o insieme al primo. Mi piace
molto preparare  la pasta con le zucchine e la pancetta, ne andiamo pazzi.

ricetta

Che cosa non manca mai nel tuo frigorifero? 

Nel nostro frigo non mancano mai la pancetta e le zucchine. Non manca mai il
succo alla arancia e qualche buon formaggio per mio padre.

image-4

Vuoi rivelarci una tua fissazione green (per esempio, mangiare i broccoli almeno una volta alla settimana, spalancare le finestre tutte le mattine anche se ci sono 2° C, riciclare tutto, sfinire gli amici che usano troppo l’automobile…)? 

Non so se si può chiamare fissazione ma non mi piace per niente avanzare
quello che ho nel piatto, si mangia fino all’ultimo boccone! Per il resto in
famiglia facciamo una vita molto green, usiamo pochissimo la macchina e per
andare a scuola e a lavoro, io e mio padre rispettivamente, usiamo la bici.

Qual è un rito che ti piace celebrare nella tua cucina? 

Unico rito rispettato rigorosamente nella nostra cucina è la nostra amata
Radio Capital. È la nostra compagna più fedele. Poi iniziano i gesto
quotidiani, legarsi i capelli, lavarsi le mani, aprire il frigorifero e far
partire la fantasia.