Fare la salsa

settembre 9, 2016
Fare la salsa

pomodori-1

E’ una tradizione ancora non del tutto persa e principalmente del sud Italia trasformare alla fine della stagione i sugosi pomodori in eccedenza in conserva da utilizzare per tutto l’inverno successivo. In primo piano la Puglia, Sicilia, Campania, Calabria, maggiori produttori e consumatori di pomodori, ma anche di conserva. La tradizione in un passato non troppo lontano, vedeva coinvolta tutta la famiglia, parenti stretti, amici in una corale organizzazione dell’attività che si svolgeva prevalentemente in un luogo all’aperto, presso uno dei parenti che possedeva una casa in campagna o nell’orto della propria abitazione (per chi ce l’aveva) o ancora in quelle, ancora afose verande della casa al mare di fine agosto, per chi aveva la fortuna di essere al mare. Tutti insieme con attrezzature più o meno adatte, con mano d’opera improvvisata e non specializzata, con pomodori di primissima scelta, della qualità rigorosamente da salsa, ossia i “San Marzano”. Direttore dei lavori: la nonna materna o all’occorrenza la mamma sapientemente istruita da zie, sorelle, suocere, cugine e comari! Grandi quantità, cassette e cassette di pomodori che non finivano mai, per un lavoro che si sapeva quando iniziava (di solito quasi all’alba), ma non quando finiva (a me sembravano mesi!). Il noiosissimo compito a catena di montaggio a cui eri destinato durava ore e ore: tagliare i pomodori in quattro pezzi, oppure lavarli in un gigantesco catino o ancora lavare i barattoli, e altre di per se interessanti manovre, ma che dopo poco tempo risultavano già estinte in termini di curiosità da parte di noi bambini. L’odore del fuoco di legna, gestito dai grandi, proibito ai piccoli, tutto il giorno acceso, con i grandi calderoni a bollire contenenti i tanto preziosi barattoli, quanto delicati e quindi amorevolmente accuditi affinché non avessero sbalzi di temperatura, quasi avessero la febbre!

….ma che festa però. Tante persone a casa, grandi abbuffate di pastasciutta col sugo “fresco”, tante chiacchiere e risate, una vera e propria sagra famigliare al profumo di pomodoro.

 

calderone