Ti presento un amico: il Pak Choi o Bok Choy

maggio 3, 2016
Ti presento un amico: il Pak Choi o Bok Choy

Fare la spesa con portaNatura significa anche provare nuovi sapori e scoprire prodotti che non si riescono a trovare facilmente negli scaffali dei supermercati.

 

Overhead shot of Chinese cabbage, Bok Choy, on rustic wood

Questa settimana porto a casa tua il Pak Choi, chiamato anche Bok Choi, coltivato con metodo biodinamico da Biolatina, una cooperativa di contadini che lavora nella fertile pianura pontina, vicino Roma.
Il Pak Choi appartiene alla famiglia delle crucifere e nell’aspetto è molto simile alle coste, ma ha un sapore leggermente più amarognolo e delicato. Ha un odore gradevole e non invadente, che lo fa apprezzare anche da chi non ama particolarmente i cugini cavoli e broccoli, compresi i bambini.

A differenza degli altri cavoli che vengono coltivati nei mesi freddi e dunque sono tipicamente invernali, il Pak Choi può essere coltivato anche in questo periodo e in estate.
Beneficia di tutte le proprietà delle crucifere e, come al solito, meno si cuoce e meglio è! Puoi gustare le foglie verdi crude in insalata, mentre le coste puoi cuocerle a vapore o saltarle in padella, evitando di bollirle.

Una curiosità: in Asia il Pak Choi viene a volte chiamato anche  “cucchiaio da minestra” per via della forma concava delle sue foglie.